floatation therapy
Reading Time: 3 minutes

Ricercatori negli Stati Uniti esaminano se la terapia di galleggiamento possa ridurre i sintomi di ansia, stress e depressione in un campione clinico.

La terapia di galleggiamento è stata inventata per creare un ambiente che limiti la quantità di input sensoriali esterni che raggiunge il corpo. L’input sensoriale esterno è un evento esterno percepito dai nostri sensi come l’olfatto, la vista, il tatto, il gusto e l’udito. Nella terapia di galleggiamento, gli individui si sdraiano sulle loro spalle in una vasca ripiena d’acqua poco profonda, satura di sali di Epsom che consente loro di galleggiare senza fatica con gli occhi, il naso e la bocca comodamente sopra l’acqua. Inoltre, viene prestata particolare attenzione per garantire che qualsiasi input dai nostri sensi sia ridotto al minimo. Ad esempio, l’area è completamente buia e si trova in una stanza insonorizzata a temperatura controllata.

Quali sono gli effetti della terapia di galleggiamento?

Precedenti ricerche hanno dimostrato costantemente che la terapia di galleggiamento riduce i livelli di stress e aumenta il rilassamento misurato da pre e post galleggiamento. La maggior parte delle ricerche precedenti ha utilizzato campioni di partecipanti sani, con solo una manciata di studi che studiano la terapia di galleggiamento e i suoi effetti sugli individui con ansia.

Data questa lacuna in letteratura, i ricercatori negli Stati Uniti hanno studiato l’effetto della terapia di galleggiamento sui sintomi di ansia, stress e depressione in un campione clinico. I risultati sono stati recentemente discussi su PLoS ONE.

I ricercatori hanno reclutato 50 partecipanti che hanno presentato una gamma di diversi disturbi legati all’ansia e allo stress: stress post-traumatico, ansia generalizzata, panico, agorafobia e ansia sociale. Molti dei partecipanti (46 su 50) hanno manifestato depressione oltre alla loro ansia o disturbo da stress. Come punto di riferimento, i ricercatori hanno anche reclutato 30 partecipanti sani per fornire un contesto per i risultati osservati nei partecipanti clinici.

Ai partecipanti è stato richiesto di compilare tre diversi tipi di questionari, che includevano misure di riferimento, misure pre o post galleggiamento e domande di follow-up. Le misure di base sono state utilizzate per valutare i sintomi attuali dei partecipanti, l’umore generale e il funzionamento durante il periodo di tempo dello studio. Le misure pre o post galleggiamento sono state raccolte 30 minuti prima e dopo ogni fluttuazione al fine di valutare le variazioni dei sintomi e dell’umore. Infine, le domande di follow-up hanno raccolto informazioni sull’effettiva esperienza di galleggiamento dei partecipanti.

In che modo i partecipanti ansiosi hanno risposto alla terapia di galleggiamento?

Il dispositivo di galleggiamento utilizzato in questo studio era destinato a ridurre le barriere all’ingresso per le persone ansiose. Invece del tradizionale serbatoio galleggiante con un recinto, c’era una piscina galleggiante aperta in una stanza per abbassare i sentimenti di claustrofobia. Inoltre, ai partecipanti è stato dato il controllo completo durante la sessione, con l’opportunità di entrare e uscire dalla piscina a loro piacimento e la scelta di accendere o spegnere le luci.

La sessione di terapia di galleggiamento non ha provocato eventi avversi gravi o importanti problemi di sicurezza nel campione clinico. Un’analisi dell’impatto della terapia di galleggiamento sui sintomi ha rivelato significative riduzioni di ansia, stress, tensione muscolare, dolore, depressione e sentimenti negativi nel campione clinico. Inoltre, c’è stato un significativo miglioramento dell’umore dimostrato da aumenti nelle segnalazioni di serenità, rilassamento, felicità, sentimenti positivi, benessere generale, livelli di energia e tranquillità.

In riferimento al campione sano, il campione clinico ha registrato cambiamenti notevolmente più grandi. Inoltre, i livelli di ansia post galleggiamento tra le persone partecipanti al campione clinico si sono avvicinati ai livelli riportati di quelli osservati nelle persone sane. Ulteriori analisi hanno scoperto che i più grandi cambiamenti nei sintomi e nell’umore sono stati osservati nei partecipanti con i più alti livelli basali di ansia.

La terapia di galleggiamento era sicura ed efficace

Le domande di follow-up hanno rivelato che 47 dei 50 partecipanti clinici ritenevano che la terapia di galleggiamento potesse essere un intervento efficace per ridurre l’ansia. Inoltre, quasi il 75% dei partecipanti ha riferito un maggiore rilassamento con la terapia di galleggiamento rispetto a qualsiasi altra tecnica che avevano provato in passato. Tutti i partecipanti hanno chiesto di fluttuare di nuovo.

Nel complesso, questo studio ha dimostrato che una singola sessione di terapia di galleggiamento era in grado di stimolare un miglioramento significativo dell’umore e una riduzione dell’ansia in un campione clinico. I risultati di questo studio suggeriscono che la terapia di galleggiamento può fornire i maggiori benefici a coloro che portano più stress nelle sedute di galleggiamento. Inoltre, i risultati mostrano anche che la terapia di galleggiamento può essere in grado di ridurre l’ansia nelle popolazioni cliniche a livelli quasi normali.

Sebbene questo studio indichi che la terapia di galleggiamento è un intervento promettente per ridurre l’ansia nelle popolazioni cliniche, i risultati dovranno essere replicati in uno studio più ampio e controllato prima di trarre conclusioni concrete. Studi futuri dovrebbero anche indagare se tali effetti positivi possano essere sostenuti, o addirittura migliorati, con la terapia di galleggiamento ripetuta.

Scritto da Caitlin M. Byrne, BSc
Tradotto da Francesco Faieta

Riferimenti bibliografici: Feinstein, J. S., Khalsa, S. S., Yeh, H., Wohlrab, C., Simmons, W. K., Stein, M. B., & Paulus, M. P. (2018). Examining the short-term anxiolytic and antidepressant effect of Floatation-REST. PLoS ONE, 13(2): e0190292. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0190292

Facebook Comments

How much did this article help your understanding of this health condition?

0 1 2 3 4 5